Risultati indicatori basati sulla capacità

La tabella mostra la capacità del sistema del gas italiano di soddisfare la domanda di picco in caso di interruzione dei flussi presso il punto di entrata di Tarvisio (N-1) e come si osserva, il sistema presenta sufficienti margini di sicurezza in tutte le configurazioni. In particolare si rileva che lo scenario FID e lo scenario inerziale si differenziano come conseguenza dell'entrata in esercizio dell'allacciamento allo stoccaggio di Cornegliano Laudense che garantisce l'entrata in rete della capacità di punta di questo nuovo stoccaggio. Per quanto riguarda la configurazione FID + non FID il valore dell’indicatore è identico ai precedenti per quanto riguarda il periodo fino alla fine del triennio, aumenta invece alla fine dell’orizzonte di Piano grazie al contributo dei progetti non FID

 

TABELLA 22: VALORI DELL'INDICATORE N-1

N-1 2017 2020 2026 Riferimento
Inerziale 105% 106% 108% > 100%
FID 105% 112% 114% > 100%
FID + nonFID 105% 112% 119% > 100%

 

Di seguito si evidenzia il risultato dell’indice di diversificazione delle fonti (IRDI). I numeri, mostrati nella tabella seguente, risultano tutti inferiori al valore di 3.300 che ENTSOG riferisce come soglia di buona diversificazione delle fonti e delle rotte di approvvigionamento, e ciò grazie ai contributi degli sviluppi di rete necessari per collegare al sistema nazionale i nuovi gasdotti internazionali. Si noti che in assenza di tali sviluppi, l’indice di concentrazione rimarrebbe costante, come evidenziato dall’andamento del valore inerziale.

 

TABELLA 23: VALORI DELL'INDICATORE IRDI

IRDI 2017 2020 2026 Riferimento
Inerziale 2.316 2.316 2.316 < 3.300
FID 2.316 2.316 2.316 < 3.300
FID + nonFID 2.316 2.092 2.096 < 3.300

 

L’indicatore di capacità bidirezionale (BPI) mostra come alla fine del periodo di piano il sistema di trasporto italiano possa disporre di capacità in controflusso per circa il 16% della capacità totale di import a fine piano nella condizione FID per effetto del progetto supporto al mercato nord ovest e flussi bidirezionali transfrontalieri. Tale indicatore evidenzia un incremento del livello di integrazione con gli altri mercati europei.

 

TABELLA 24: VALORI DELL'INDICATORE BPI

BPI 2017 2020 2026 Riferimento
Inerziale 8% 8% 8% Nd
FID 8% 16% 16% Nd
FID+nonFID 8% 16% 15% Nd

 

L’indice di dipendenza dalle importazioni (IDI), riportato nella tabella seguente, mostra valori elevati (nonostante l'entrata in esercizio dell'allacciamento allo stoccaggio di Cornegliano Laudense che comporta un lieve miglioramento), com’è da attendersi per il sistema italiano in cui la produzione domestica copre solamente una bassa percentuale della domanda. 

 

TABELLA 25: VALORI DELL'INDICATORE IDI

IDI 2017 2020 2026 Riferimento
Inerziale 69% 68% 69% Nd
FID 69% 65% 66% Nd
FID + nonFID 69% 65% 66% Nd

 

L’indice di flessibilità residua (RF) migliora negli anni nella configurazione FID come conseguenza dell'entrata in esercizio dell'allacciamento allo stoccaggio di Cornegliano Laudense, nella configurazione FID + nonFID per effetto del progetto “Linea Adriatica” e consente agli utenti del sistema di trasporto buoni margini di flessibilità.

 

TABELLA 26: VALORI DELL'INDICATORE RF

RF 2017 2020 2026 Riferimento
Inerziale 12% 14% 14% > 5%
FID 12% 18% 18% > 5%
FID + nonFID 12% 18% 22% > 5%

 

Come evidenziano le tabelle riportate sopra, gli investimenti sulla rete di trasporto consentono un miglioramento degli indicatori e quindi prefigurano un incremento dei benefici per il sistema gas relativi alla sicurezza degli approvvigionamenti, alla competitività e alla integrazione tra mercati.