Contrasting scenario

Al fine di far apprezzare i benefici dei progetti proposti nel Piano Decennale, in scenari anche molto differenti fra loro, Snam Rete Gas ha svolto le simulazioni nell’ambito di un contesto Europeo. Basandosi sulle informazioni disponibili relativamente al TYNDP 2018-2027 di Entsog sono stati costruiti 3 scenari denominati “Central”, “South Route” e “North Route” caratterizzati dalle seguenti assunzioni relativamente a:

 

  • domanda gas;
  • scenario infrastrutturale europeo;
  • potenzialità delle fonti di approvvigionamento;
  • prezzo delle fonti energetiche.


Assunzioni sulla domanda gas

Le proiezioni di domanda gas sono state dettagliate sia per l’Italia che per il resto dell’Europa.

 

Ai fini dell’analisi è stato considerato uno scenario di domanda per tutti e tre i contrasting scenario. Più in dettaglio la domanda gas in Italia parte da circa 71 Gmc/a nel 2020, raggiunge il valore massimo nel 2025, pari a circa 75 Gmc/a, per poi decrescere fino a 63 Gmc/a nel 2040.

 

Per il resto d’Europa, la domanda gas assunta coincide con quella fornita da ENTSOG nel piano decennale 2018 (TYNDP 2018). In particolare negli scenari Central e South Route, la domanda gas coincide con i dati dello scenario Sustainable Transition (ST), mentre nello scenario North Route coincide con i dati dello scenario Distributed Generation (DG). I tre scenari, Central, South Route e North Route, prevedono la stessa domanda fino al 2025 e pari a 306 Gmc/a (EU6); successivamente lo scenario North Route si assesta su valori inferiori, 276 Gmc/a nel 2030, per poi diminuire fino a 257 Gmc/a nel 2040, mentre gli scenari Central e South Route presentano una decrescita meno marcata, passando da 305 Gmc/a nel 2030 a 280 Gmc/a nel 2040.

 

Per quanto riguarda i consumi termoelettrici, sono stati valutati come somma di due contributi: una componente rigida, anelastica al prezzo del gas naturale, le cui proiezioni sono allineate a quanto sopra descritto, e una componente sensibile a variazioni di prezzo del gas. Quest’ultima quota è stata stimata attraverso l’uso di Pegasus 3 il quale ha consentito, per ogni scenario, di quantificare il volume di gas per generazione elettrica aggiuntivo e connesso a una maggiore competitività del gas verso altri combustibili (tra tutti il carbone).

 

Assunzioni sullo scenario infrastrutturale

In tutti gli scenari si assume una stessa configurazione infrastrutturale.

 

In Europa l’infrastruttura simulata è quella prevista da ENTSOG nel piano decennale del 2018 (TYNDP 2018) e definita come infrastruttura allo stato “Advanced”.

 

Relativamente allo scenario infrastrutturale considerato sono da mettere in evidenza le seguenti assunzioni:

 

  • il completamento del Nord Stream II, gasdotto che collega la Russia con la Germania, la cui capacità nel 2020 raggiungerebbe 110 Gmc/a (attualmente è pari a 55 Gmc/a);
  • La riduzione della capacità in entrata a Wallbach, punto di interconnessione tra Germania e Svizzera, in conseguenza della indisponibilità di una delle due linee del gasdotto TENP.

 

Per quanto concerne l’Italia sono state considerate tutte le infrastrutture esistenti inclusa la disponibilità del nuovo sito di stoccaggio di Cornegliano Laudense a partire dal 2019.

 

Assunzioni sulla potenzialità delle fonti di approvvigionamento

Le analisi sono state condotte assumendo determinate evoluzioni dell’offerta in relazione ai maggiori produttori di gas da cui l’Italia e l’Europa importano, ossia Russia, Algeria e Europa del Nord (Norvegia e Paesi Bassi).

 

Gli scenari analizzati tengono conto del potenziale massimo e minimo di esportazione indicati da ENTSOG nel TYNDP 2018 e sono stati definiti in modo da favorire nello scenario South Route l’import da Sud (Algeria) mentre in quello North Route l’importazione da Nord Europa, assumendo una maggiore disponibilità di gas russo (ed una minore di gas algerino).

 

In particolare, lo scenario Central è stato sviluppato tenendo conto di una potenzialità della produzione algerina e russa pressoché stabile e paragonabile a quella ad oggi disponibile. Più in dettaglio nello scenario Central, la capacità di esportazione dalla Russia verso l’Europa via tubo è stabile attorno a 160 Gmc/a lungo tutto l’orizzonte di analisi 2020-40 (in linea con le proiezioni medie di capacità di esportazione di ENTSOG). La capacità di esportazione dall’Algeria cresce da 41 Gmc/a nel 2018 fino a 49 Gmc/a nel 2040 (in linea con le proiezioni di offerta massima di ENTSOG) mentre quella da Nord Europa (Norvegia e Olanda) parte da 143 Gmc/a nel 2018 raggiungendo 80 Gmc/a nel 2040 (in linea con le proiezioni medie di offerta di ENTSOG).

 

Lo scenario South Route include le stesse assunzioni di esportazione dello scenario Central ad eccezione della produzione nord europea che risulta più bassa, partendo da 134 Gmc/a nel 2018 e raggiungendo 43 Gmc/a nel 2040 (-29 Gmc/a rispetto allo scenario Central). Tale andamento è frutto del recepimento del blocco della produzione del campo di Groningen a partire dal 2030, in linea con quanto recentemente dichiarato dal governo olandese, in concomitanza a proiezioni di produzione minima norvegese, secondo quanto prospettato da ENTSOG.

 

Lo scenario North Route differisce dallo scenario Central in termini di capacità di offerta dalla Russia e dall’Algeria. Il potenziale flusso in esportazione dalla Russia parte da 193 Gmc/a nel 2018, per poi salire fino a 230 Gmc/a nel 2040 (in linea con le proiezioni di offerta massima di ENTSOG). Il potenziale flusso in esportazione dall’Algeria parte da 22 Gmc/a nel 2018 per poi diminuire fino a 10 Gmc/a nel 2040 (-39 Gmc/a), in linea con le proiezioni di minima offerta sviluppate da ENTSOG.

 

Assunzioni prezzi fonti energetiche

Le fonti energetiche utilizzate per l’analisi sono: energia elettrica, carbone, greggio e CO2. I prezzi delle fonti energetiche, da cui dipendono i prezzi del gas in quanto ad esse indicizzati, sono allineati con le proiezioni utilizzate da ENTSOG nel TYNDP 2018. In particolare, lo scenario Central e South Route fanno riferimento alle proiezioni medie mentre il North Route riflette le proiezioni minime di prezzo.

La tabella che segue riepiloga le assunzioni adottate nei vari scenari considerati.

 

Tabella