SCHEDA PROGETTO INTERCONNESSIONE TAP – RN_02

ANALISI DELLA DOMANDA 

Il progetto riguarda la creazione di un nuovo punto di interconnessione e il suo collegamento alla rete nazionale dei gasdotti esistente. Il gas in ingresso dal nuovo punto sarà disponibile per tutto il mercato italiano, pertanto si ritiene opportuno rifarsi a quanto già espresso nel capitolo “Domanda ed offerta di gas in Italia”. Inoltre l’infrastruttura interconnessa al progetto di Snam Rete Gas è inserita nel contesto delle infrastrutture europee del gas e, per apprezzarne i benefici in maniera corretta è necessario valutarla in tale contesto. Le assunzioni sulla domanda fatte sono riepilogate nel paragrafo relativo ai Contrasting Scenario.

 

ELEMENTI INFORMATIVI DEL PROGETTO

Denominazione intervento
Interconnessione TAP

 

OPERE PRINCIPALI ED ACCESSORIE

Codice Denominazione DN km Pressione (bar) Tipologia
IT_02 Interconnessione TAP 1400 55 75 principale

 

Localizzazione intervento (rappresentazione grafica)

FIGURA 12 INTERC TAP

Codice identificativo intervento

COD. SRG: RN_02

TYNDP ENTSOG: TRA-F-1193

Obiettivo generale dell'intervento

  • sicurezza dell’approvvigionamento;
  • concorrenza e diversificazione delle fonti di approvvigionamento

Categoria principale intervento

Nuova interconnessione con l’estero

Anno di primo inserimento dell’intervento nel Piano

Piano Decennale 2017-2026

Impatto in termini di aumento di capacità di interconnessione o di trasporto in ciascuna direzione di flusso (ove applicabile)

Creazione di un nuovo punto di entrata a Melendugno (Puglia) con una capacità massima pari a 44,3 MSm3/g. Tale capacità non aumenterà la capacità totale di importazione.

Punto di entrata, uscita o di riconsegna su cui insiste l’aumento di capacità

PdE di Melendugno

Correlazione tra nuove fonti di approvvigionamento e sviluppi infrastrutturali necessari alla rete di trasporto, con evidenza di eventuali fonti di approvvigionamento alternative

Il progetto è naturalmente correlato all’infrastruttura TAP che consente nuova capacità di importazione dalle produzioni Azero. Tale fonte di approvvigionamento non è attualmente disponibile sul mercato italiano del gas.

Eventuali rapporti di complementarietà o, in generale, di interdipendenza con altri interventi

Non applicabile.

Indicazione dello stato dell’intervento

Ingegneria e Permessi

 

Data inizio progetto

Avvio progettazione di dettaglio

Presentazione richiesta Autorizzazione Unica

Ottenimento

Autorizzazione Unica

Presentazione richiesta VIA

Ottenimento VIA

Data Inizio lavori

Data Entrata in Esercizio

19/02/2015

13/04/2015

10/11/2015

21/05/2018

10/11/2015

22/09/2017

02/2019

2020

 

ANALISI COSTI/BENEFICI

BENEFICI - Totale benefici periodo di analisi di 25 anni
Come descritto nel capitolo relativo alla metodologia dell’analisi ACB i benefici di seguito riassunti sono stati determinati mediante l’utilizzo del modello Pegasus 3 di dispacciamento del gas e di determinazione dei prezzi.
La quantificazione dei benefici considerati nella presente analisi è stata effettuata sviluppando la metodologia proposta a tale riguardo da ARERA nella delibera 468/2018/R/GAS. In particolare si evidenzia che il beneficio B1 tiene conto della variazione delle condizioni non solo del cliente finale, ma dell’intero sistema, e valuta di conseguenza anche i minori ricavi per gli shipper derivanti dal decrescere del prezzo marginale del gas; pertanto, ai fini della presente analisi, la riduzione media del prezzo della materia prima all’ingrosso calcolata, pari a circa 0,9 €/MWh, è applicata al quantitativo di gas importato attraverso l’interconnessione TAP. Se invece si volesse considerare il beneficio per i consumatori finali e quindi si applicasse la stessa riduzione di prezzo alla domanda gas complessiva italiana, si otterrebbe un risparmio di circa 10 mld € in 15 anni.

 

B1: variazione del social welfare connessa alla riduzione dei costi di fornitura

South Route: 6,1 mld€

Central: 4,6 mld€

North Route: 2,6 mld€

B2m: variazione del social welfare connessa alla sostituzione di combustibili, per metanizzazioni

-

B2t: variazione del social welfare connessa alla sostituzione di combustibili nel settore termoelettrico

-

B3n: Incremento di sicurezza e affidabilità del sistema in situazioni normali

-

B3d: Incremento di sicurezza e affidabilità del sistema in situazioni  di disruption

South Route: 0,1 mld€

Central: 0,1 mld€

North Route: 4 mld€

B4o: Costi evitati per obblighi normativi che sarebbero stati sostenuti se l’opera non fosse stata costruita

-

B4p: Costi evitati per penali che sarebbero state sostenute se l’opera non fosse stata costruita

(*)

B5: Riduzione effetti negativi da produzione di CO2

-

B6: Riduzione effetti negativi da produzione di altri inquinanti

-

B7: Maggiore integrazione di produzione da fonti di energia rinnovabile nel sistema elettrico

-

 

interconnesionetap 2

(*) La mancata realizzazione dell’infrastruttura sul territorio italiano, oltre a causare la perdita delle esternalità positive garantite dal nuovo gas che verrebbe approvvigionato, determinerebbe ulteriori costi per il sistema Italia derivanti dal mancato rispetto degli impegni ed accordi che peserebbero sul welfare dell’intero Paese. Come recentemente dichiarato dal Governo italiano, se si decidesse,  in via arbitraria e unilaterale, di venire meno agli impegni sin qui assunti anche in base a provvedimenti legislativi e regolamentari, si rimarrebbe esposti alle pretese risarcitorie dei vari soggetti coinvolti nella realizzazione dell’opera e che hanno fatto affidamento su di essa. Lo Stato italiano verrebbe coinvolto in un contenzioso lungo e perdente, i cui costi potrebbero aggirarsi, in base a una stima prudenziale, in uno spettro compreso tra i 20 e i 35 miliardi di euro.

 

BENEFICI QUALITATIVI

TAP può favorire l’azzeramento del divario con i prezzi del Nord Europa, in caso di contestuale realizzazione del “corridoio di liquidità”.

Un ulteriore effetto netto in bolletta e sul Pil può verificarsi in quanto i corrispettivi pagati dagli «shipper» per il nuovo entry point «ripagano» il costo dell’infrastruttura superando il ricavo di Snam direttamente correlato all’infrastruttura.

 

COSTI

Capex totale progetto [M€]

298

Consuntivo al 31/12/2017 [M€]

6,3

Capex (al netto di opere compensative esogene al servizio) [M€]

298

Capex di reinvestimento (dal 10° anno di esercizio)

0,2 M€/ANNO

Opex

0,1 M€/ANNO


INDICATORI

INDICATORI

BASE

SENSITIVITY

South Route

Central

North Route

CAPEX+OPEX

CAPEX+OPEX

+10%, +5%

-10%, -5%

South Route

Central

North Route

South Route

Central

North Route

VANE [m€]

3.538

2.401

3.558

3.512

2.375

3.532

3.565

2.428

3.585

B/C

14,4

10,1

14,4

13,1

9,2

13,1

16,0

11,1

16,1

PBPE [anni]

2

3

4

2

3

4

3

2

3

INDICATORE

CONFIGURAZIONE INFRASTRUTTURE

2018

2021

2027

N-1

Con TAP

106%

115%

112%

inerziale

106%

115%

112%

IRDI

Con TAP

2.147

1.964

1.964

inerziale

2.147

2.175

2.175